Sicilia è il suo nome: La leggenda di una bellissima principessa molto sfortunata

03 Giugno 2024 | Racconti e leggende

Indice

La Tragica Profezia

La Sicilia, terra affascinante e ricca di storia, è un luogo dove mito e realtà si intrecciano. Tra le molte leggende che si tramandano di generazione in generazione, una in particolare racconta l’origine del nome di quest’isola incantevole. È la storia di una bellissima, ma sfortunata principessa libanese di nome Sicilia. La leggenda narra che, alla nascita della giovane principessa, un oracolo rivelò ai suoi genitori una tragica profezia. Se Sicilia non avesse lasciato il Libano da sola su una barca al compimento dei suoi quindici anni, sarebbe stata divorata dal Greco-Levante, un mostro dalle sembianze di un gatto mammone. Così, per salvarle la vita, i genitori della principessa, seppur con il cuore spezzato, decisero di seguire l’oracolo.

Un Viaggio di Speranza

All’età di quindici anni, Sicilia fu messa su una barca e abbandonata in alto mare. Il suo viaggio durò tre lunghi mesi, durante i quali esaurì tutte le provviste, arrivando quasi alla morte per fame e sete. Ma il destino aveva in serbo per lei una sorpresa. La barca si arenò su una spiaggia meravigliosa, illuminata dal sole, circondata da alberi pieni di frutti e fiori profumati.

Il Nuovo Inizio

Sola e stanca, Sicilia non sapeva cosa fare né dove si trovasse. Fu allora che le apparve un bellissimo giovane. Egli le spiegò che quella terra era deserta perché tutti i suoi abitanti erano morti a causa della peste. Tuttavia, il giovane aggiunse che il destino aveva voluto che proprio loro due ripopolassero l’isola, creando una nuova razza forte e gentile.

L’Isola di Sicilia

Il giovane offrì a Sicilia ospitalità e amore, e in onore della principessa, chiamò quell’isola con il suo nome: Sicilia. Così, secondo la leggenda, nacque il nome della nostra splendida isola, un luogo che unisce la forza e la gentilezza delle sue origini.

Un Mito Tramandato

Questa affascinante leggenda è stata riportata da due illustri folcloristi siciliani, Salomone Marino e Giuseppe Pitrè. Essi sottolineano come questo mito sia collegato in qualche modo anche alla storia di Egesta, un’altra figura mitologica abbandonata in mare per sfuggire a un mostro marino.

La Sicilia, con le sue storie e leggende, continua a incantare e a ispirare, offrendo ai visitatori non solo paesaggi mozzafiato ma anche un ricco patrimonio culturale da scoprire. Venite a esplorare questa terra magica, dove ogni angolo racconta una storia.

ti potrebbe interessare anche